Biografia semiseria di Ernesto Carugati

 

 

 Il Tino è nato vecchio. Le prime tracce delle sue inseparabili coppole si rilevano nell‘Antica Mesopotamia. Pare fosse amico del Re Assurbanipal e solito allietare i week end del sovrano con degli assolo di bonghi.

E’ un uomo solido ( a parte quando gli vola la dentiera - motivo per cui preferisce non portarla) di sani principi ( non si cerca niente nel cestino di un altro clochard ) e soprattutto un musicista con 10 dita ed un cuore un po’ acciaccato.

Le varie reincarnazioni lo hanno portato ad interpretare sempre lo stesso ruolo nella vita ovvero l’uomo da marciapiede ed è  proprio nelle sue stesse affermazioni che possiamo ritrovare la metafora della strada come filosofia di vita: nell’animo del Tino vive la strada con la sua durezza ed al contempo la sua poesia; l’incanto di un'alba sopra un grattacielo ed il freddo di un gelido inverno sotto un ponte.

Quando ricerca un po’ di contatto con la natura, da buon milanese d.o.c. qual’é, si reca al Parco Ravizza in Porta Romana, e ne è cosi estasiato da sprofondare in corposi pisolini sulle panchine…la Pace del Se….l’Identità dell’Io….il Nirvana. E nei suoi sogni egli si figura al fianco di Elton John, Ray Charles sul palco del Blue Note di New York e li giù con duetti fantasmagorici, melodie estasianti, assolo interminabili, improponibili scambi di opinione in dialetto Meneghino, applausi scroscianti.

I risvegli sono fatti di persone che gli chiedono di spostarsi perché si vogliono sedere sulla panchina in una gradevole giornata di primavera, magari nemmeno tanto cortesemente oppure con un piccolo/grande regalo: un panino, un quartino di Dolcetto, un sigaro.

 La gente. Lui ama la gente indistintamente. Nel suo pellegrinare si è imbattuto in tutto lo scibile umano. Nelle note del suo pianoforte c’è lo stupore della gente, l’ammirazione, l’essere rapiti dentro armonie e arrangiamenti. E allora la musica fa da collante, crea il rispetto per la condizione sociale, fortifica la sua dignità. Lì si abbattono le barriere del giudizio malevolo, si accetta la diversità perché anche nella diversità può esserci il dono.

 Ma il Tino non è sempre stato un Maestro senzatetto…gli occhi si fanno lucidi se gli domandate della prematura scomparsa della sua adorata Pinetta. Forse da li non si è saputo più ritrovare se non nelle sue stesse note.

 A 6 anni col n. 5 (il suo numero fortunato) sulla pettorina, partecipa al concorso per giovani talenti in una località balneare Ligure di cui stenta a ricordarne l’esatta ubicazione e lo vince, un po’ come un altro suo grande idolo: Claudio Baglioni. Si prosegue con la frequentazione del Conservatorio di Milano fino all età di 15 anni (in piena Seconda Guerra Mondiale), quando capisce che quella musica così ‘Classica’ non gli può bastare e in forza al suo motto ‘butta lo spartito, suona all’infinito’ si da alla più completa anarchia musicale. Qualche anno più tardi, l’anarchia prende il sopravvento anche nella vita e lo vede ospite praticamente fisso della ‘Casa di accoglienza Enzo Jannacci’ di Milano, dove allieta gli ospiti con qualche suonatina, tra un lavoretto edile e una manutenzione allo stabile.

 Il Tino si è fermato nel tempo: il tempo della sua 600 Multipla, il tempo dei suoi battibecchi scanzonati con l’Erminia (la cuoca della mensa dei poveri) e Suor Giuliana (la Madre Badessa Rettrice), oppure dell’Abdul (ospite fisso del Dormitorio di V.le Ortles), il tempo della sua barba incolta, dei suoi occhialoni da Supermiope, della inseparabile T-short della Fiat trovata dentro ad un cassonetto. Un uomo che non ha niente da perdere ma che ha trovato una ragione di essere negli numerosi apprezzamenti dei suoi tanti sostenitori che non si perdono una delle sue preziose lezioni di pianoforte sul Web.

Battete il tempo e troverete il Tino, amici carissimi che avete avuto la bontà di leggere.

 

99 Comments

Tino Carugati

Grasssie, carissimo Andrea. Sempre gentilissimo. Un abbraccio dal Tino.

Reply
Paolo

Lei , Signor Tino, mi sembra proprio una grande persona. La saluto con tanta cordialità !

Reply
Tino Carugati

Sono un pò come il pennello Cinghiale: non sono una grande persona, ma una persona grande (vecchia, intendo…). Ciauuu e grassie

Reply
Daniela

Noooo vabbeeee’ come si fa…un grande DONO PER NOI….TINO
TROPPO …FORTE…SIMPATICO PROFESSIONALE E SOPRATUTTO IL VALORE PIÙ IMPORTANTE…UMILE

Reply
Salvi

Ciao Tino,
mi chiamo Salvatore e vivo in Germania, mi piace la musica suono il Keyboard.
Facendo una ricerca su YouTube ho visto i tuoi video,devo dire che sei un grande nella musica e un grande uomo.

Cari saluti

Reply
Tino Carugati

Ciao, Salvi e scusa per la tardiva risposta. Ti ringrasssio tantissimo per le belle parole e ti auguro sempre buona musica. Il Tino

Reply
Tino Carugati

Un caro saluto anche a te, Cesare, e scusa per il ritardo nella risposta. Un abbraccio dal Tino!

Reply
Augusto

Questa mattina ho visto per la prima volta 2 lezioni di piano e una dove suoni “Via” C. Baglioni…
Devo dire la verità, sei bravissimo si sente che suoni con modestia vera.
Ma quello che mi ha colpito di più è la tua persona schietta e sincera.
Ancora rido della tua biografia che ho appena letto.
Ovviamente continuerò a vedere i tuoi video che non ho ancora visto.
Ciao e grazie

Ago

Reply
Tino Carugati

Ciao, Augusto e scusa il ritardo nella risposta. Grassssie del commento e un abbraccio

Reply
Roberto

Grazie per il tempo e l’impegno che dedichi nel trasmettere con semplicità, con spirito goliardico e con tanta passione che solo un musicista con una grande sensibilità può fare. Sei un grande. Un abbraccio. Roberto

Reply
Roberto

Ciao Tino alla veneranda età mi hanno regalato un piano …emozionante anche solo shiacciare uno dei quei tasti . TINO IMPRESCINDIBILE GRAZIE

Reply
massimo

Ciao Tino ti ho appena avuto l’onore di conoscerti sul web.
Ho studiato pianoforte per tanti anni e purtroppo ho avuto maestri che non capivano una mazza di musica e non facevano altro che leggerla senza trasmettere niente al punto tale che ad un certo punto ho buttato via spartiti e piano.
Bene mi sa che da oggi dovro’ trovare un nuovo pianoforte e ricominciare da “tre”. grazie di esistere

Reply
Tino Carugati

Ciao, Massimo: è una situazione comune a molti, soprattutto di estrazione ‘classica’. ‘Butta lo spartito, suona all’infinito’: questo è il mio motto! Buona musica col Tino

Reply
Paolo Di Lernia

Ciao Tino ho trovato molto utile un tuo tutorial Compliimenti alla tua arte e bravura e al tuo impegno.
Ricorda però che la vecchiaia non esiste! Si è solo diversamente giovani.

Reply
Tino Carugati

Ah ah ah, ma certamente, Paolo. E io sono molto diversamente giovane assai. Ma tengo duro! Buona musica e grazie

Reply
Angelo

Ciao Tino
Magia del Natale, mi hanno regalato una tastiera e….oggi scopro te…fantastico!
I tuoi tutorial sono fantastici…grazie!
Angelo

Reply
Franco

Ci sono delle delle persone che vorresti non aver mai incontrato e c’è chi vorresti aver vicino sempre magari per passarci delle serate assieme all’osteria, tu sei un grande.

Reply
Giovanni

Tino. Oltre all’ottimo musicista e bravo maestro, sono felice di aver conosciuto una bellissima persona. Ti auguro tanta felicità per il nuovo anno.

Reply
Riccardo

Tino, Tino, Tinoooo!!
Perchè non ti ho scoperto prima, ‘azz!
Ora non ti mollo più. GRANDE!!

Reply
Sergio

Grazie Tino per quello che fai e per come lo fai. La tua tranquillita’e simpatia mi infonde una grande gioia e voglia di suonare. Un grande abbraccio . Sergio da Forli

Reply
Tino Carugati

Ciao. Sergio. Le tue parole mi fanno immensamente piacere e mi servono da sprone. Un abbraccio e…continua a seguirmi. Iscriviti alla newsletter e al canale YT per avere sempre in diretta le mie ultime novità. Ciauuuu

Reply
piero da R.C.

Ciao tino, rimangao sbalordito leggendo la tua biografia. Chissà quali disavventure hai dovuto affrontare nella tua vita ma l’apprezzamento e la stima mie, nostre e di tutti quelli che ti seguono(mi pare siano davvero tanti) ti dovrà ripagare in parte dei sacrifici (e dei torti subiti). Un grande abbraccio. e grazie per quello che ci dai.
Piero

Reply
Tino Carugati

Grazie, Piero. Meno male che ci siete voi, amici a rendermi meno grama la vita. Vi voglio bene, grazie

Reply
Alessandro

Caro Tino è tanto che ti seguo …. suoni divinamente parli bene e sei troppo divertente a tal punto che ogni volta mi domando se siano veri i tuoi occhiali, la tua voce e il tuo berretto con i capelli bianchi … e che vivi al dormitorio… non sarà che sotto sotto ce la stai facendo in barba a tutti?
… mi piacerebbe venire a lezioni da te…

Reply
Giordana

Ciao Tino!
Ti ho incontrato oggi su youtube e sono contentissima! Grazie.
Mi ricordi tanto il mio amatissimo Zio Augusto, di Milano, musicista bruciante che mi ha fatto innamorare della musica.
Vivo a Stoccolma, ma spero di incontrarti un giorno 🙂
Grazie e un abbraccio (kram in svedese)
Giordana

Reply
Tino Carugati

Kram a te, allora e grazie per avermi scritto da così lontano. Il Tino

Reply
franco

Non perder tempo a rispondermi, semplicemente grazie per quello che fai e per come lo fai.

Reply
Alessio Oss Emer

Dai video ho capito cose che non avevo capito prima, sono fatti benissimo, simpatici e utili, complimenti

Reply
valeriano

Ciao Tino, ti ho scoperto casualmente su you tube e….ti voglio già bene!

Reply
Enrico Cerchi

Non credevo possibile provare a suonare note su note,creare armonie diverse e (per me)piacevoli, senza avere davanti lo spartito.grazie per avermelo fatto scoprire.sei semplicemente il maestro che ci voleva.grazie.

Reply
Paolo

L’ho conosciuta si YouTube causalmente in una spiegazione di un brano di Bsglioni , Kille giorni di te e di me. La conoscenza della musica e dell’armonia unita alla capacità di spiegare facilmente come un brano è’ costruito o nasce, rende interessante e piacevole seguire i suoi video anche a chi non è’ tecnicamente Ferrari come me. Personalmente ritengo Baglioni, insieme a Battisti, i due migliori musicisti italiani. Grazie per per spiegarmi musicalmente il talento di Baglioni. Complimenti ancora.

Reply
Roxgiuse

86 anni??? Nn ci posso credere. Se la vita ti ha tolto qlcsa nella quantità, te la restituisce in qualità di vecchiaia. Grande Tino fenomenale. Me ne intendo e posso dire che sei un grande. Grazie Maestro

Reply
Agostino

Ciao Tino, da quando ho scoperto la tua “esistenza” beh non riesco più a fare a meno a seguire le tue lezioni caratterizzate da semplicità, simpatia ma grande professionalità. Hai un’abilità unica nello spiegare, complimenti sinceri!! Una profonda stima di te come persona oltre che come musicista. Grazie.

Reply
Max

Tino, sei la dimostrazione vivente che la vera ricchezza è dentro di noi. Grazie per il tempo che dedichi a noi ‘poveri ciechi’ alla ricerca della musica e grazie per i fantastici spartutorial … grandissima idea !

Reply
Tino Carugati

Grazie a te, Max per l’interesse e le gratificanti parole. Buona musica col Tino!

Reply
Franco Pupeschi

Ciao Tino,
Anch’io credo nella reincarnazione e sono contento di averti conosciuto, per caso, in questo periodo storico, semplicemente “navigando” su YouTube … !
Ho seguito con attenzione i tuoi video, soprattutto la Lez n 49 ‘Facciamoci un giretTINO’.
Che dirti? Semplicemente che … ti ammiro: ammiro il tuo spirito libero, la tua esuberanza musicale, la tua grande sensibilità nel trasmettere sensazioni ed emozioni e soprattutto … nel saperle comunicare agli altri, con l’arte dell’insegnamento !!!
Grande, veramente grande !
Grazie, Franco

Reply
Tino Carugati

Ciao, Franco. Grazie per l’interesse e le lodi che apprezzo infinitamente. Un abbraccio

Reply
Eduardo

Grandissimo tino simpaticissimo a 50 anni ho iniziato con il pianoforte con un maestro blues faccio molta fatica con lo spartito ma so di avere abbastanza orecchio almeno con la mano destra il maestro dice che il primo anno e faticoso ma con il tempo ci sarà si comincia a divertire adesso dopo 27 lezioni riesco a fare la musica della stangata The entrateinment secondo te posso credere al mio maestro che sono allineato con uno standard di apprendimento normale oppure no ? Grazie per le risposte che vorrai darmi e buon proseguimento con i tuoi tutorial.

Reply
Tino Carugati

Ciao, Eduardo. Mi sembra buono che tu riesca a fare ‘La Stangata’, anche se 27 lezioni sono 6 mesi di studio almeno….Ma continua così, forza e coraggio. Un abbraccio dal Tino!

Reply
salvatore nastro

Caro Tino.
Sei grandissimo in tutto e delizioso al piano!
Un abbraccio.
Salvatore

Reply
Paolo Di Lernia

Ciao Tino
A parte i complimenti che meriti per il tuo lavoro, se dal “dormitorio” ti trovi a scendere in Puglia, nel salento, ti offro il caffè e magari pranzo (anche da portar via)

Reply
Tino Carugati

Ah ah ah, un pranzo da asporto non si rifiuta mai. Gentilissimo, un abbraccio dal Tino!

Reply
Salvatore Capalbo

Ciao Tino, ti ho scoperto per caso sul sito di Andrea Palma, ora seguo le tue lezioni su you tube, e sento di doverti dire che sono meravigliosamente chiare, e vi traspare tutto l’amore e la passione con il quale vuoi trasmetterci le tue emozioni e il tuo sapere… ed è un gran bel sapere. Un grazie di cuore. Tore.

Reply
Francesco

Ciao Tino, da ex studente di pianoforte da conservatorio (o da conserva) ah ah a 40 anni ho deciso di riapprocciarmi allo strumento per eccellenza in una maniera differente ed ecco che trovo te, ho letto la tua biografia. Onorato di averti incontrato, seppur sul web.
Seguirò le tue lezioni e vediamo cosa ne verrà fuori.
Intanto grazie di esistere!
Namaste.

Reply
Domenico

Veramente un approccio molto efficace e simpatico anche su argomenti non facili. Grazie!!

Reply
Maria

Buongiorno Tino!
Ho scoperto il tuo sito ed i tuoi tutorial per caso da poco tempo e ne sono stata subito catturata. Mi cimento con il pianoforte da qualche anno, ma con lentissimi risultati. Imparare uno strumento è divertente ma anche frustrante a volte. Ho un maestro che mi segue molto bravo è paziente, ma sicuramente, ora che so che ci sono anche i tuoi tutorial seguirò i tuoi consigli e mi divertirò anche di più. Grazie per la tua opera di divulgazione e i preziosi insgnamenti. Un abbraccio

Reply
Tino Carugati

Ciao, Maria. Grazie per le gradite parole. Continua a seguirmi!!!! Buona Domenica. Il Tino

Reply
Stefano

Io ho studiato organo elettronico da quando avevo 10 anni poi per vari motivi non ho più suonato. Quello che mi piacerebbe è imparare ad accompagnare sul piano. Nel tempo libero cercherò di seguire le sue lezioni.
Fatto da lei è tutto semplice ma in realtà non lo è !!!!!!
Mi piacerebbe riuscire a fare qualcosa di tutto quello che insegna spero di aver tempo per provarci.
Intanto le auguro buon Natale

Reply
David

Sono un insegnante di batteria, ma strimpello anche la chitarra e suonicchio la tastiera e grazie a te Tino, ho riscoperto la voglia di studiare il piano tra scale, accordi arpeggi tutorial e quant’altro. Sei un grande maestro e trasmetti tutta la tua passione per questo meraviglioso strumento e la musica in generale. Grazie ancora Tino, non mi stancherò mai di essere tuo allievo!

Reply
corrado cobelli

ciao Tino,
ottime lezioni, filosofia pianistica leggera, innovativa. la tecnologia in questo senso (tramite you tube ed altro) ha creato un approccio didattico diverso, anche se sono dell’avviso che la base classica sia un punto di partenza fondamentale. poi magari ad un certo punto uno cambia strada per seguire i propri gusti, istinti.
una curiosità alla quale non credo mi risponderai; agilità, fisico, voce, pelle e competenze moderne, sono quelle di un poco più che cinquantenne e non di un vecchio maestro di quasi 90 anni qual era il mio.
grazie maestro, ciauu

Reply
Tino Carugati

Ciao, Corrado. Beh…dire ‘una curiosità alla quale non credo risponderai’è come buttare la farina di crisalide ai cavedani… Ma è poi l’età anagrafica o quella che ci si sente che conta? No, perchè nel caso batterei Matusalemme… 57 tra un mese e mezzo. Ciauuu e grasssie!!!

Reply
Giuseppe ventrella

Mi intendo di musica. Penso che tu svolgi un lavoro prezioso che consente ai pigri allievi di musica di oggi di suonare sapendo che cosa stanno suonando e con quali accordi. Grazie per il tuo impegno continuo a spiegare le 13me etc.

Reply
tony

Tino, sono un amante della musica in generale, ho sempre strimpellato la chitarra tra un libro di diritto e un esame universitario prima; e un’aula di tribunale dopo…….come avrai capito sono un avvocato con l’amore estremo per la musica……il pianoforte mi ha sempre affascinato, ma il mio pudore e la consapevolezza di non avere il tempo e il coraggio di cimentarmi , mi ha sempre fatto rimandare il desiderio di incominciare a suonarlo……
un giorno ho incontrato te e i tuoi video…..semplici…..interessanti e incoraggianti……e mi si è aperto un mondo….ora suono ….conosco le scale e riesco a strimpellare con entrambe le mani…..poco…..ma per me tanto…..
grazie Tino ……da un romano atipico …….Tony

Reply
Tino Carugati

Ciao, Tony. Felicissimo di averti fatto ritrovare la passione per questo inimitabile strumento. Un abbraccio

Reply
Baldassare Grimaudo

Caro Tino, Ho scoperto per caso le tue lezioni e ti trovo molto simpatico e bravo. Voglio iniziare nuovamente a suonare il pianoforte. Ho una tastiera workstation II della GEM e non conosco il modo di utilizzarla anche con il manuale. Potresti dirmi il tipo che utilizzi nei tuoi tutorial? grazie

Reply
Tino Carugati

Ciao, Baldassarre. Uso una Yamaha Clavinova CVP309GP. Buona musica col Tino!

Reply
GIUSEPPE MARINO

Grande Tino. Scusa ho acquistato il libro, dove si scarica? Non lo trovo.

Reply
Alessio

Molto deludente e futilmente ingannevole nei confronti di coloro che scrivono sul blog.
Vi sono anche gli estremi dell’Art. 494 C.P. ‘sostituzione di persona’. Le fate turchine ed i Puffi vivono in un mondo immaginario ma non forniscono come domicilio un indirizzo reale e per giunta di una struttura pubblica.

Reply
Tino Carugati

Mi spiace, Alessio, per il tuo giro a vuoto, ma pensavo fosse evidente che non vivo al ‘Centro di accoglienza’. Vieni a trovarmi dove vivo realmente e il caffè te lo offro io. Con mille scuse TC

Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*